Cos’è il cloud?

Il Cloud Computing non è altro che internet. Metaforicamente parlando s’intende!

Cloud è un termine inglese che tradotto in italiano significa «nuvola» e sta ad indicare tutta la serie di risorse che possono risiedere sui vari server dislocati nel mondo (software, elaborazioni, procedure, ecc...)  che possono venire richiamate su richiesta dall'utente tramite l’utilizzo delle tecnologie di connessione internet.

In altre parole, se in passato internet era utilizzato per «navigare», definendo l’ambiente «mare di internet», oggi siamo più abituati ad utilizzare le risorse della rete definendo questo come «l’utilizzo del Cloud».

Sintetizzando, si può dire che oggi internet è un ambiente sempre più mutevole e poco definibile: dal punto di vista dell’immaginazione umana è un po’ come una nuvola!

Vantaggi del cloud?

Uno dei vantaggi più importanti offerti dal cloud è quello di poter archiviare dati su un server internet e potervi accedervi da qualsiasi luogo e con qualsiasi device (pc, smartphone e Tablet).

Questo va benissimo per certi tipi di dati, come scaricare musica, archiviare immagini personali, o qualche alto tipo di documento, come un file di word.

La storia cambia se c’è una grande quantità di dati da gestire sul cloud, e soprattutto se i questi dati sono di tipo sensibile, o fiscale.

Siamo sicuri che chi gestisce il server con i nostri preziosi dati, lo faccia in maniera accurata e sicura?

La nostra soluzione: il cloud ibrido

La soluzione migliore è quella di avere un proprio server. Già, ma i costi? Chi lo gestisce? E poi, come si accede tramite internet?

Ebbene, qui sta il cosiddetto cloud ibrido, cioè una formula che consiste nel accedere al proprio pc (non necessariamente server!) da qualsiasi angolo del mondo vi troviate e con qualsiasi strumento (smartphone, tablet, pc).

Basterà installare il gestionale Pitagest, settare gli accessi e avere così la possibilità di operare sia da locale che da remoto.

Risultato: costi bassi, sicurezza del controllo dei propri dati, velocità di accesso, e soprattutto libertà di gestire le proprie informazioni quando e come si vuole.

A chi è destinato il cloud ibrido?

Indistintamente alla piccola realtà artigiana, oppure alla grande industria. Tutti oggi abbiamo la necessità di accedere ai dati in maniera veloce e flessibile.

Lo facciamo già con la mail, la musica, i video, ed ora è tempo di farlo anche con quei dati che ci sembrano poco pratici da ottenere o analizzare anche quando siamo fuori ufficio.  Pensiamo alla contabilità, all'ammontare degli  ordini o delle vendite di un determinato periodo. Insomma, si pensa troppo poco ai propri dati, ma averli sempre a portata di mano può fare una grande differenza in un mondo veloce come quello che stiamo vivendo.